I Raggisolaris sfiorano la vittoria con la capolista Roseto. Qualche episodio sfortunato non consente di piazzare il colpo grosso contro una formazione che anche al PalaCattani ha dimostrato di meritare la vetta della classifica, ma nonostante il risultato, la squadra ha giocato una buona partita dal lato fisico e mentale.

Lo stop dovuto al Covid-19 non si è sentito grazie all’atteggiamento del gruppo e buono è stato anche il debutto di Molinaro, subito calatosi nella nuova realtà. Tante ottime notizie in vista di un mese ricco di partite dove i Raggisolaris arrivano al meglio. Il prossimo impegno sarà domenica alle 18 in casa della Npc Rieti.

Il match è sempre combattuto e sul filo dell’equilibrio. Roseto raggiungere il 20-8, ma i Raggisolaris rispondono con un break di 13-1 propiziato da sette punti di Aromando e raggiungono il 21-21.

La fiammata faentina arriva nel terzo quarto sul 56-50 poi Nikolic ricuce il gap, dando il via ad una accesissima volata finale. Poggi a 3’ dalla fine firma la tripla del 74-74 poi è protagonista di un episodio contestato (fallo antisportivo) che regala a Roseto i liberi dell’81-74 a meno di due minuti dalla sirena.

I Raggisolaris reagiscono e si portano sotto 77-81 poi però il canestro respinge due conclusioni da sotto che avrebbero cambiato la partita. Nel finale Roseto chiude i conti dalla lunetta.

Raggisolaris Faenza 79
Liofilchem Roseto 84
(21-23; 41-44; 65-62)