Valerio Ragazzini, nato a Faenza nel 1990, è una presenza importante e costante nel panorama letterario faentino e non solo. Narratore, critico letterario, saggista, amante delle sue radici romagnole, in questi anni ha pubblicato numerosi libri:  “L’uomo era una bella idea”, “La Ricerca della banalità”, i saggi “Quella linea lunga e blu – Gli scrittori romagnoli e il mare” e il recente “L’immenso naufragio – La Grande Guerra nelle pagine degli scrittori romagnoli”.

Con il suo nuovo libro appena uscito (“La veglia dei corpi“, Edizioni Tracce e Ombre) che verrà presentato venerdì 24 novembre, alle ore 18, presso la Bottega Bertaccini di Faenza Valerio Ragazzini ci consegna una raccolta di racconti su un mondo dell’immediato futuro, post esplosione, post catastrofe, post tutto. Uomini, cose, ambiente compiono una parabola verso lo sfacelo finale.

veglia corpi cover

Anime perdute si aggirano in questo mondo, ragazzi, giovani donne, un prete, un notaio, la siccità, un mare terrorifico, un ispettore mortuario. E poi ombre, fantasmi, domande, tante domande, figlie di un secolo, il XX°, che ancora si trascina nel XXI° avvinghiato con unghie, denti e dubbi a passate certezze, verso un futuro che ancora non riusciamo a definire, a decifrare, a costruire.

Un libro cupo che non fa sconti, sorretto da una prosa secca e diretta.