Oggi, 4 giugno, per il terzo giorno consecutivo, non si registrano nuovi decessi dovuti al covid 19, in provincia di Ravenna.Le vittime da inizio pandemia nel nostro territorio provinciale rimangono dunque 1.015

La situazione nelle terapie intensive del ravennate

Invece su 78 persone ricoverate in terapia intensiva in tutta la regione, una sola è in provincia di Ravenna (dato invariato rispetto alla giornata di ieri).

Le nuove positività

Stabile la curva del contagio nel ravennate, con numeri che sono decisamente più lontani dai picchi raggiunti a marzo e fanno sperare nel raggiungimento della zona bianca tra qualche settimana. L’incremento oggi è del +0,1%, in linea rispetto alla crescita regionale.

Le nuove positività sono 10 (ieri erano 27) mentre sono 925 i tamponi effettuati. Il tasso di nuovi positivi sul totale dei tamponi effettuati è dell‘1,8%, una percentuale superiore rispetto a quella regionale ma in forte calo rispetto a ieri (5,9%). Si tratta però di un valore che deve essere analizzato anche su base settimanale, per non dipendere troppo dalle oscillazioni giornaliere nel numero di tamponi.

Per quanto riguarda le ultime positività, si tratta di 1 maschio e 9 femmine; 3 asintomatici e 7 con sintomi; 9 in isolamento domiciliare e 1 ricovero. Nel dettaglio, ecco come sono emerse le positività: 7 da contact tracing; 3 per sintomi. Sono invece 23 le nuove guarigioni complete.

I casi complessivamente diagnosticati da inizio contagio nel Ravennate sono dunque 30.358.

I casi odierni suddivisi per territorio

1 Cotignola

1 Faenza

2 Lugo

6 Ravenna

L’ultimo report di Ausl Romagna (24-30 maggio)

Al fine di fornire un aggiornamento rispetto all’evoluzione del quadro epidemiologico dell’infezione da covid 19 nel territorio romagnolo, su un arco temporale più significativo rispetto alla situazione di una singola giornata, Ausl Romagna ha prodotto il report relativo alla settimana dal 24 al 30 maggio. Nella settimana di riferimento si sono verificate 514 nuove positività (erano 631 la scorsa settimana, -117) su un totale di 24.849 tamponi: per la decima settimana settimana consecutiva si registra così una diminuzione dei nuovi casi positivi. Anche in provincia di Ravenna sono in calo le nuove positività riscontrate: sono state 112 (contro le 164 della settimana precedente, -52). Il tasso di nuovi positivi sui tamponi effettuati è in calo e si attesta all’1,5%. A livello romagnolo questo indicatore è del 2,1% (la scorsa settimana era dell’ 2,5%).

Scende anche l’incidenza dei nuovi casi su popolazione residente, parametro decisivo anche per determinare il “colore” nei territori. Ravenna registra un’incidenza di nuovi casi positivi su 100.000 abitanti, negli ultimi 7 giorni, pari a 36 (era 42 la scorsa settimana). A Faenza invece , dove a marzo l’incidenza era molto alta, si attesta a 24. Si tratta di numeri ormai pienamente da zona bianca anche se bisognerà attendere ancora. Servono infatti tre monitoraggi consecutivi, con questo valore al di sotto dei 50 nuovi casi a livello regionale.

Infatti la soglia considerata critica è rappresenta da 250 nuovi casi su 100mila abitanti mentre 50 nuovi casi su 100mila abitanti viene considerata la soglia entro cui è possibile riprendere il tracciamento.

I casi attivi, cioè le persone attualmente positive, sono 2.266 in tutto il territorio romagnolo, 540 nel distretto ravennate.

Continuano a scendere in maniera netta i ricoveri nei reparti covid e nelle terapie intensive: il 31 maggio infatti i ricoverati nei reparti covid erano 57 (-32,1%, 27 in meno rispetto alla settimana precedente). Le persone nelle terapie intensive romagnole sono invece 8 (-20%, 2 in meno rispetto alla scorsa settimana).

Conseguentemente, scende anche il tasso di occupazione dei posti letto per covid: al momento il tasso di occupazione è dell’19,1% in terapia intensiva mentre negli altri reparti si attesta tra il 31,7% (malattie infettive) e il 39,6% (area internistica). In calo anche i decessi: quelli registrati negli ultimi sette giorni sono 6 in tutto il distretto romagnolo (dimezzati rispetto alla scorsa settimana), di cui 2 in provincia di Ravenna (-6). Il tasso di letalità a Ravenna è stabile all’ 3,4%, il più elevato in Romagna.

La campagna vaccinale in Romagna

Per quanto riguarda la campagna vaccinale, sono 403.123 le persone che hanno ricevuto almeno una dose, a cui si sommano 33.160 vaccinati dai medici di medicina generale. Sono invece 221.897 le persone che hanno completato il ciclo vaccinale.

Il commento di Mattia Altini, direttore sanitario di Ausl Romagna

Anche per questa settimana, si consolida il dato di una frenata, sempre più marcata della circolazione del virus, commenta Mattia Altini, direttore sanitario di Ausl Romagna. Se questi dati continuano a consolidarsi, l’uscita dal tunnel è veramente vicina. L’accelerata del piano vaccinale impressa dal Governo e dalla Regione in queste ore, offre a tutta la popolazione l’opportunità di vaccinarsi in tempi più certi e ravvicinati. Se le dosi arriveranno, come promesso e se i cittadini aderiranno in modo massiccio, arriveremo all’autunno coperti dal vaccino. Per questo adesso l’imperativo categorico diventa per tutti quello di aderire alla vaccinazione, a partire dalla fascia di ragazzi più giovani in età scolare, che la nostra Regione ha volutamente indicato fra le prime, 7 e 8 giugno, a potersi prenotare”.