Il covid 19 continua ad essere, purtroppo, causa di decessi in provincia di Ravenna. Oggi, 22 aprile, si registrano due nuove vittime del virus. Si tratta di due pazienti di sesso maschile di 53 e 89 anni. Salgono così a 972 le vittime del covid 19 da inizio pandemia.

La situazione nelle terapie intensive del ravennate

Invece su 282 persone ricoverate in terapia intensiva in tutta la regione, 12 sono in provincia di Ravenna (dato invariato rispetto alla giornata di ieri).

Le nuove positività

Stabile la curva del contagio nel ravennate, anche se i numeri rimangono più contenuti rispetto ai picchi raggiunti a marzo. L’incremento oggi è del +0,3%, in linea rispetto alla crescita regionale.

Le nuove positività sono 77 (ieri erano 76) mentre sono 1.839 i tamponi effettuati. Il tasso di nuovi positivi sul totale dei tamponi effettuati è dell’4,2%, lievemente superiore rispetto al dato regionale e pressochè stabile rispetto a ieri (4%). Si tratta comunque di indicatori che vanno pienamente valutati su scala settimanale.

Per quanto riguarda le ultime positività, si tratta di 38 maschi e 39 femmine; 38 asintomatici e 39 con sintomi; 75 in isolamento domiciliare e 2 ricoverati. Nel dettaglio, ecco come sono emerse le positività: 41 da contact tracing; 23 per sintomi; 11 per test volontario e 2 per rientro dall’estero. Sono invece circa 104 le nuove guarigioni complete.

I casi complessivamente diagnosticati da inizio contagio nel Ravennate sono dunque 28.566.

I casi odierni suddivisi per territorio

2 fuori provincia

3 Alfonsine

3 Bagnacavallo

1 Brisighella

2 Castel Bolognese

10 Cervia

2 Conselice

2 Cotignola

11 Faenza

2 Fusignano

4 Lugo

2 Massa Lombarda

32 Ravenna

1 Riolo Terme

L’ultimo report di Ausl Romagna (12-18 aprile)

Al fine di fornire un aggiornamento rispetto all’evoluzione del quadro epidemiologico dell’infezione da covid 19 nel territorio romagnolo, su un arco temporale più significativo rispetto alla situazione di una singola giornata, Ausl Romagna ha prodotto il report relativo alla settimana dal 12 al 18 aprile. Nella settimana di riferimento si sono verificate 2.201 nuove positività (erano 2.233 la scorsa settimana, -22) su un totale di 32.126 tamponi: per la quinta settimana consecutiva si registra così una diminuzione dei nuovi casi positivi. Il ravennate sembra in controtendenza perchè le nuove positività riscontrate nel sono state 687(contro le 628 della settimana precedente, +59) ma ciò è avvenuto a fronte di un aumento del numero dei tamponi. Il tasso di nuovi positivi sui tamponi effettuati si è infatti attestato all’5,8%, in calo di quasi un punto percentuale. A livello romagnolo questo indicatore è del 6,9% (la scorsa settimana era dell’7,3%).

Risale lievemente anche l’incidenza dei nuovi casi su popolazione residente, parametro decisivo anche per determinare la zona rossa nei territori. Ravenna registra un’incidenza di nuovi casi positivi su 100.000 abitanti, negli ultimi 7 giorni, pari a 211 (era 161 la scorsa settimana). A Faenza invece , dove nelle settimane scorse l’incidenza era molto alta, si attesta a 116 e risulta ancora in calo (era 131 sette giorni fa).

La soglia considerata critica è rappresenta da 250 nuovi casi su 100mila abitanti.

I casi attivi, cioè le persone attualmente positive, sono 6.321 in tutto il territorio romagnolo, 1.817 nel distretto ravennate.

Continuano a scendere i ricoveri nei reparti covid e nelle terapie intensive: all’18 aprile infatti i ricoverati nei reparti covid sono 416 (-25%, 140 in meno rispetto alla settimana precedente). Le persone nelle terapie intensive romagnole sono invece 35 (-24%, 11 in meno rispetto alla scorsa settimana).

Scende anche il tasso di occupazione dei posti letto per covid: al momento il tasso di occupazione è dell’56,5% in terapia intensiva, 71,8% in area sub-intensiva mentre negli altri reparti si attesta tra il 47,3% (malattie infettive) e il 54,7% (area internistica). I decessi registrati negli ultimi sette giorni sono invece 55 in tutto il distretto romagnolo (-11 rispetto alla scorsa settimana), di cui 15 in provincia di Ravenna (-7). Il tasso di letalità a Ravenna è stabile all’ 3,5%, il più elevato in Romagna.

La campagna vaccinale in Romagna

Per quanto riguarda la campagna vaccinale, sono 207.305 le persone che hanno ricevuto almeno una dose, a cui si sommano 17.543 insegnanti. Sono invece 85.876 le persone che hanno completato il ciclo vaccinale.

Il commento di Mattia Altini, direttore sanitario di Ausl Romagna

“ Anche la settimana presa a riferimento – afferma Mattia Altini, Direttore Sanitario di Ausl Romagna – conferma il trend in calo della circolazione del virus sul nostro territorio, anche se si registrano alcune differenze sui vari ambiti territoriali. L’occupazione dei posti letto si riduce, comprese le terapie intensive, ma come abbiamo ripetutamente spiegato, l’effetto va molto più a rilento, rispetto al calo della circolazione del virus. Questi dati che confermano la bontà delle misure restrittive intraprese, non devono comunque in alcun modo fare abbassare la guardia sui comportamenti di sicurezza da osservare. Anche la campagna vaccinale prosegue verso le fasce di popolazione più vulnerabili, anche se l’approvvigionamento dei vaccini risulta essere ancora a rilento rispetto alle aspettative. Speriamo in arrivi più cospicui nelle prossime settimane, che permetterebbero una ulteriore accelerata nei nostri punti vaccinali.”